FILLEA CGIL-FILCACISL-FENEAL UIL: IL CALDO AUTUNNO DELLE IMPRESE EDILI
E’ DIMINUITO il prezzo del petrolio, ma non quello delle materie prime da costruzione. E le imprese che lavorano per committenti pubblici, ma non solo, si trovano strozzate fra i costi dei materiali lievitati, il prezzo dei lavori bloccato e spesso, l’estremo ritardo dei pagamenti. Associazione Nazionale Costruttori Edili di Firenze e Cgil, Cisl e Uil insieme lanciano un allarme: per molte imprese fiorentine si preannunciano mesi difficili.
«Lo squilibrio economico determinato dalla crescita dei costi diretti e di quelli indiretti mette in gravi difficoltà le imprese del nostro territorio — sottolinea Riccardo Spagnoli, presidente di Ance Firenze —. Oggi è economicamente meno dannoso lasciare un cantiere chiuso che lavorare. Abbiamo bisogno, quindi, di riposte in tempi brevi». Nell’area fiorentina, nonostante l’occupazione in edilizia abbia registrato nel 2006-2007 un incremento degli addetti rispetto al 2005/2006, si registra un calo nel medio periodo in quanto i valori occupazionali odierni sono comunque inferiori a quelli del 2004. Sarebbero già molte le imprese edili a rischio riduzione del personale a seguito delle difficili condizioni economiche determinate dall’impennata dei prezzi. Inoltre, ad oggi manca ancora l’importante strumento del prezziario regionale che dovrebbe costringere gli enti pubblici ad un aggiornamento semestrale o al massimo annuale dei prezzi di riferimento, che per alcuni enti locali sono fermi a prima del 2005.
FILLEA CGIL Filca Cisl e Feneal Uil esprimono in questo quadro la loro preoccupazione circa «la continuità e la tenuta occupazionale del settore che si trova a dover fronteggiare un forte rincaro di materie prime importanti come energia e ferro anche per effetto di tempi di cantierizzazione che distano mediamente 2 anni dall’assegnazione delle gare». «Questa situazione — è il loro allarme — potrebbe compromettere le realtà di impresa più strutturate e favorire gli operatori che, risparmiando sui costi di manodopera e sicurezza, si collocano fuori dal sistema delle regole». DA LA NAZIONE
Notizia del: mar 30 set, 2008

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

09-12-2019
Pasquale Cuomo, segretario generale di Flc Cgil Pisa, è il nuovo ....
09-12-2019
"Il cambiamento climatico è in corso: è anomalo, è più rapido ....
09-12-2019
Ammontano a 714 le società oggi presenti in Toscana che fanno ....
09-12-2019
E' scomparso Salvatore Vecchioni, ex comandante partigiano della ....
09-12-2019
L'impresa cinese di Prato frena per la prima volta in 20 anni: ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)