INCIDENTI LAVORO:MORTI A1;FUNERALI CALABRIA, DOLORE E RABBIA
Dolore e rabbia hanno unito ieri, in occasione dei funerali, Grotteria e Sinopoli, paesi natali di Giovanni Mesiti e Rosario Caruso, due delle tre vittime dell'incidente sul lavoro nel Mugello. A Grotteria un lungo applauso ha accompagnato l'uscita dalla chiesa del feretro portato a spalla dagli amici di Mesiti. Il parroco, don Fabio Campione, anche a nome del vescovo mons, Fiorini Morosini, ha espresso la vicinanza della chiesa. Quindi ha sottolineato la necessità di affrontare il problema della sicurezza del lavoro. Alla cerimonia, stretti intorno alla moglie ed ai quattro figli di Mesiti, c'era tutto il paese, e, in rappresentanza delle istituzioni, l'assessore regionale Demetrio Naccari Carlizzi, gli assessori provinciali Antonio Scali e Rocco Agrippo, la deputata Maria Grazia Laganà. Presente anche il presidente della Toto, la società per la quale lavoravano le vittime. Il sindaco, Vincenzo Loiero, ha chiesto giustizia oltre ad invocare una riflessione seria sul problema della mancanza di lavoro in Calabria. A Sinopoli, la banda ha preceduto il feretro di Rosario Caruso nel suo cammino verso la chiesa segnato da un tappeto di fiori. Tutto il paese è voluto stare vicino ai genitori ed ai quattro fratelli della vittima. Alla funzione, officiata da don Antonio Siciliano, hanno partecipato l'assessore regionale Michelangelo Tripodi e quello provinciale Santo Gioffré, il sindaco Luigi Chiappalone. Il feretro è stato portato a spalla dagli amici di Caruso. Tra loro anche il padre di una bambina che Caruso avrebbe dovuto battezzare. (ANSA).
Notizia del: lun 06 ott, 2008

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

14-12-2019
Colpito da un toro, che lo ha spinto contro un muro, nell'azienda ....
14-12-2019
"Domani lavoriamo di nuovo per capire quale Ŕ il modo migliore ....
14-12-2019
Una scossa di magnitudo 3.0 Ŕ stata registrata a 5 km da Barberino ....
14-12-2019
Al via anche in Maremma 'Arcipelago Pulito', progetto sperimentale ....
14-12-2019
E' stato dissequestrato l'impianto della Tecnicart, azienda cartaria ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)