Violenza minori: boom pedopornografia, spesso vittime ignare

"Spesso le vittime della pedopornografia sono inconsapevoli che le foto postate sui social, in particolare su Instagram, vengono rubate e utilizzate per altri scopi". Lo afferma Marina Contino della Direzione centrale anticrimine della polizia di Stato commentando la forte crescita del numero di minori vittime di reati legati alla pedopornografia: +57% per la detenzione di materiale pornografico (per l'86% femmine) e +10% per la loro produzione che coinvolge per l'84% bambine e ragazze. Come emerge dal dossier di Terre des Hommes presentato oggi alla Sala degli atti parlamentari del Senato. "Per questo facciamo incontri nelle scuole - ha aggiunto - con i genitori, i quali spesso non si rendono conto dei tanti pericoli dei social e anche loro postano le foto dei propri figli". Contino ha citato un caso avvenuto ad Alessandria dove tre ragazze di 15, 16 e 17 anni, invece, fornivano volontariamente ad un 60enne materiale pedopornografico per ottenere in cambio il pagamento di ricariche telefoniche o l'acquisto di borsette. (ANSA).

Notizia del: mer 10 ott, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

21-02-2020
Un anno di lavori e 20 milioni di investimento per pavimentare ....
21-02-2020
Adesso ci sono le condizioni perché nell’impianto di Rimateria ....
21-02-2020
E' un vortice polare che ha raggiunto valori da record il responsabile ....
21-02-2020
Antonella Giachetti è la nuova presidente di Aidda Toscana, l'associazione ....
21-02-2020
In Toscana la spesa farmaceutica è calata notevolmente dal 2016 ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)