Piaggio: Rossi, comprendo rabbia operaie precarie sul tetto Presidente Toscana si appella a azienda, dar loro prospettive

"Sono molto preoccupato della situazione che si è venuta a creare e comprendo la rabbia delle lavoratrici e dei lavoratori che sono saliti sul tetto. Già nelle scorse settimane ero intervenuto chiedendo attenzione su questa vicenda. Oggi torno a rivolgere un forte appello alla Direzione della Piaggio affinché si riapra immediatamente un confronto con le organizzazioni sindacali e si dia quindi una prospettiva a chi per molti anni ha lavorato all'interno dell'azienda". Lo afferma il presidente della Regione Toascana Enrico Rossi esprimendo vicinanza ai lavoratori e la preoccupazione per la situazione che si è creata in questi giorni alla Piaggio di Pontedera (Pisa) dove sul tetto di un capannone esterno all'azienda si sono accampate da tre giorni per protesta operaie precarie da molto tempo che chiedono la stabilizzazione. "Non siamo all'anno zero - prosegue Rossi - Sappiamo che esiste una proposta avanzata da tempo da tutti i sindacati che potrebbe portare a un progressivo assorbimento dei cosiddetti 'contrattisti' nell'organico aziendale; in ogni caso, chiediamo alla Piaggio di fare ogni sforzo per garantire l'occupazione di questi lavoratori. Spero si segua al più presto la strada del confronto che è l'unica in grado di portare a dei risultati tangibili". (ANSA).

Piaggio: precarie su tetto, stanotte temporale ma resistiamo Da 15 anni interinali ora chiedono la stabilizzazione del posto
Ancora un'altra notte sul tetto per chiedere la stabilizzazione del posto di lavoro. Ma questa, rispetto alla precedente, è stata terribile, a causa del temporale, per le ex lavoratrici precarie della Piaggio che per il terzo giorno 'occupano' il tetto del cosiddetto Palazzo Blu, stabile in prossimità dell'ingresso merci dello stabilimento Piaggio di Pontedera (Pisa). La protesta è stata organizzata per chiedere "la definitiva stabilizzazione delle donne dopo 15 anni di lavoro interinale". Pioggia e vento hanno costretto le lavoratrici a rimuovere il gazebo allestito sul tetto e a trovare riparo nel vano scale all'ultimo piano dell'edificio. "E' stata dura - racconta una di loro - ma noi resistiamo, non ci fermeremo e proseguiremo la nostra protesta finché non otterremo risposte concrete sul nostro futuro". (Fonte ANSA)

Notizia del: ven 14 feb, 2020

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

21-02-2020
Un anno di lavori e 20 milioni di investimento per pavimentare ....
21-02-2020
Adesso ci sono le condizioni perché nell’impianto di Rimateria ....
21-02-2020
E' un vortice polare che ha raggiunto valori da record il responsabile ....
21-02-2020
Antonella Giachetti è la nuova presidente di Aidda Toscana, l'associazione ....
21-02-2020
In Toscana la spesa farmaceutica è calata notevolmente dal 2016 ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)